Chianti Classico I Presoni D.O.C.G

ipresoniclassico

Questo vino gode della secolare tradizione toscana nella selezione delle uve di Sangiovese. Rappresenta il legame dell'azienda con il territorio del Chianti Classico.

Denominazione: Chianti Classico D.O.C.G.
Uvaggio: Sangiovese ed in piccolissima parte uvaggi complementari
Ubicazione vigneto: Nella Tenuta Mocenni, il vigneto I Presoni gode di una delle più felici ubicazioni in terra Toscana. Il terreno ha una particolare struttura e composizione la cui vocazione alla coltura della vite si è affermata nel tempo e con l’esperienza.
Altitudine: 430 mt s.l.m.
Esposizione: Sud/Est, Sud/ovest
Tipologia del terreno: Prevalenza di alberese e galestro, limo, sabbia e argilla
Sistema di allevamento: Cordone speronato
Densità viti per ettaro: 5.000 piante
Vinificazione e affinamento: La fermentazione alcolica ha avuto luogo in vinificatori di acciaio dove la macerazione è durata 16 – 18 giorni alla temperatura controllata di 28/30°C. Nel periodo immediatamente successivo alla fermentazione malolattica il vino è stato posto in barriques di rovere  dove è rimasto per la durata di 10/15  mesi. Si è poi affinato in bottiglia per ulteriori dieci mesi.
Colore: Rosso Rubino intenso
Profumo: Ha un bouquet fragrante, elegante, fruttato, floreale e leggermente speziato.
Sapore: Al gusto è molto piacevole, morbido, elegante, sapido e persistente. Mantiene la freschezza tipica della zona di produzione del Chianti Classico e del grande vitigno Sangiovese.
Note: Capacità di mantenersi e migliorarsi nel tempo.
Abbinamenti gastronomici: Abbinamenti tradizionali sono le carni rosse (sia arrosto che sotto sale), la selvaggina ed i formaggi stagionati. La cucina più moderna ha visto questo vino aver successo con primi piatti tipici della cucina mediterranea.
Temperatura di servizio:Si consiglia di servire il vino a 18° un’ora dopo averlo aperto.
Conservazione: Conservare ad una temperatura costante di circa 17 gradi lontano dalla luce.
Formato: 375 ml, 750 ml, 1500 ml, 3000 ml

L

egenda: Si chiama Classico perché “classicamente” il vino chianti si produceva solo in un piccolo territorio che la storia e la volontà degli uomini hanno voluto e saputo delimitare.

L

eggenda: La necessaria regimazione delle acque ha spinto da sempre gli agricoltori a suddividere i campi in parcelle. In Toscana si chiamano “prese”. In Chianti la presenza importante di sassi e di pendenze ha consentito alle prese dimensioni modestissime, spesso delimitate da muri a sassi. A Mocenni c’era un campo meno difficile di altri, di circa 3 ha e fu possibile dividerlo in sole sei prese. Rispetto alle altre sembrarono enormi e si chiamavano dunque “presoni”.